In attesa dell’avvio del Reddito di Cittadinanza, la Regione ha istituito per l’anno 2019 un fondo straordinario per sostenere i nuclei familiari che a seguito della conclusione del periodo di sperimentazione triennale della Misura attiva di sostegno al reddito (MIA), non essendo in possesso dei requisiti per accedere al ReI, sono privi di sostegno economico.

Responsabile del procedimento

Descrizione sintetica del procedimento

La  domanda  viene raccolta presso le sedi del Servizio Sociale dei Comuni  e può essere presentata congiuntamente alla domanda di ReI. In tal caso la domanda avrà efficacia solo se, a seguito di elaborazione della domanda di ReI, risulterà che il nucleo non può accedere al ReI per assenza di requisiti.

L’Intervento economico regionale di sostegno al reddito non può essere concesso se:

  • il nucleo è beneficiario di Misura attiva di sostegno al Reddito (MIA) in corso di concessione;
  • il nucleo non ha concluso la concessione della MIA da almeno un bimestre;
  • il nucleo nell’anno 2019 ha rinunciato volontariamente alla MIA in corso di concessione;
  • il nucleo è beneficiario di Reddito di Inclusione in corso di concessione.

Patto di inclusione

I componenti del nucleo familiare di età uguale o maggiore di diciotto anni dovranno sottoscrivere entro 60 giorni dal pagamento della prima mensilità il Patto di inclusione. Il Patto di Inclusione potrà prevedere obiettivi di inclusione sociale, di occupabilità, di inserimento lavorativo e di riduzione dei rischi di marginalità e, a tal fine, in esso saranno contenute le attività che dovranno essere svolte dai componenti il nucleo familiare, tra cui:

a)    azioni di ricerca attiva di lavoro;

b)   adesione a progetti di formazione o inclusione lavorativa;

c)    frequenza e impegno scolastico;

d)   comportamenti di prevenzione e cura volti alla tutela della salute;

e)    espletamento di attività utili alla collettività, anche nell’ambito di progetti realizzati da soggetti del terzo settore, enti locali e amministrazioni pubbliche.

La mancata sottoscrizione del Patto entro 60 giorni dal pagamento della prima mensilità per cause imputabili ai componenti del nucleo comporta decadenza dal beneficio e il nucleo non potrà più ripresentare domanda.

Se per il nucleo è già stato sottoscritto un Patto di inclusione o un progetto personalizzato nel corso di precedenti concessioni di MIA o di ReI, si considerano validi i Patti già sottoscritti, fermo restando che i Servizi sociali dei Comuni possono procedere a ridefinire i contenuti del Patto.

Riferimenti normativi

Articolo 9, commi da 8 a 20, della Legge Regionale 29/2018 (Legge di stabilità 2019)

AVVERTENZA IMPORTANTE: L’articolo 9, comma 19, della legge regionale 29/2018 ha previsto che le erogazioni di tutte le misure regionali in corso di concessione (MIA, integrazioni regionali al Reddito di Inclusione, interventi economici di cui all’articolo 9 della LR 29/2018) potranno essere sospese a seguito dell’avvio del Reddito di Cittadinanza. Le regole che disciplineranno la sospensione e la decadenza dalle misure regionali saranno stabilite con una apposita deliberazione di Giunta regionale a seguito di entrata in vigore degli atti attuativi del Reddito di Cittadinanza.

Modalità di presentazione dell'istanza

Le domande possono essere presentate al Servizio Sociale dei Comuni utilizzando la modulistica prevista.

Requisiti

Possono accedere al contributo i nuclei familiari che possiedono, alla data di presentazione della domanda un ISEE 2019 di valore non superiore a 6.000,00 euro e i seguenti requisiti:

  • avere almeno un componente che sia:
  • cittadino italiano
  • cittadino comunitario
  • familiare di cittadino italiano o comunitario, non avente cittadinanza di uno Stato membro che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente
  • titolare di protezione internazionale (asilo politico, protezione sussidiaria)
  • residente in Friuli Venezia Giulia da almeno 5 anni continuativi al momento di presentazione della presente domanda

La  domanda può essere presentata da coloro che hanno già presentato nel corso dell’anno 2019 domanda di Reddito di inclusione (ReI) e non hanno avuto accesso al beneficio per i seguenti motivi:

  1. il valore dell’ISRE è risultato superiore a 3.000,00 euro;
  2. i componenti del nucleo sono risultati intestatari a qualunque titolo o aventi piena disponibilità di autoveicoli o motoveicoli immatricolati la prima volta nei ventiquattro mesi antecedenti la richiesta;
  3. l’ammontare mensile del beneficio economico del ReI è risultato di valore pari a zero

Termini per la presentazione della domanda

Le domande possono essere presentate al Servizio Sociale dei Comuni dal 1 gennaio al 31 maggio 2019 utilizzando la modulistica prevista. Il termine finale per la presentazione delle domande può essere variato con deliberazione della Giunta Regionale.

Termini per l'adozione del provvedimento

Gli interventi economici decorrono  dal mese successivo a quello di presentazione della domanda e  hanno termine il 31 dicembre 2019. L’importo mensile viene determinato sulla base degli stessi criteri validi per la MIA ed è erogato mediante bonifico su conto corrente o altra modalità scelta dal richiedente.

In caso di variazioni nella composizione del nucleo beneficiario in corso di concessione dell'intervento, il nucleo presenta un ISEE aggiornato entro trenta giorni dalla variazione e l'ammontare dell'intervento economico è conseguentemente rideterminato sulla base del nuovo valore ISEE a decorrere dal mese successivo alla variazione.

Uffici

Pordenone

Telefono: 0434 392611

Indirizzo: Piazzetta Calderari, 2 - Pordenone

Leggi altro

Cordenons

Telefono: 0434-586925

Indirizzo: Piazza della Vittoria, 1 - Cordenons

Leggi altro

Porcia

Telefono: 0434 923071

Indirizzo: Via delle Risorgive, 3 - Porcia

Leggi altro

Roveredo in Piano

Telefono: 0434-388682

Indirizzo: Via G. Carducci, 9 - Roveredo in Piano

Leggi altro

San Quirino

Telefono: 0434 916561

Indirizzo: Via Molino di Sotto, 41 - San Quirino

Leggi altro

Ultima modifica: 13/02/2019

Area riservata

 

Territorio

Territorio

Segnalazioni

Segnalazioni

SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI